Il 6 marzo 2019 presso la suggestiva cornice del Castello di Semivicoli della Cantina Masciarelli (Chieti, Abruzzo), si è svolto l’incontro “Viticoltura e strategie di difesa fitopatologica della vite” firmato Belchim Crop Protection. La partecipazione all’evento ha visto coinvolti, i rivenditori, agronomi, enologi, cantine sociali e private della Regione Abruzzo e del vicino Molise. Sono intervenuti tra i relatori il vice presidente di Assoenologi Abruzzo e Molise Giovanni Pasquale sul tema del mercato vinicolo abruzzese e nazionale, il dott. Domenico D’Ascenzo, responsabile del Servizio Fitosanitario della Regione Abruzzo, in merito l’andamento fitopatologico sulla vite nel 2018 e sull’evoluzione della normativa nazionale riguardante gli agrofarmaci e sul disciplinare di difesa integrata.

Durante il corso dell’evento sono state presentate le soluzioni Belchim per il controllo sia dei principali patogeni del vigneto (Peronospora, Oidio e Mal dell’Esca), che quelle dedicate al controllo delle infestanti, come CHIKARA® e CHIKARA®DUO.

Protagonisti della serata, MILDICUT®, KUSABI® e VINTEC®, oggetto di crescente interesse, alla luce del recente inserimento nei Disciplinari di Produzione Integrata del Pyriofenone (KUSABI®) e del Trichoderma atroviride SC1 (VINTEC®). A dare valore all’intervento, la presentazione dei risultati delle due prove vigneto 2018 frutto della collaborazione di Belchim con il centro di saggio Agritec a Pianella (Pescara, Abruzzo). Le strategie antiperonosporiche Belchim applicate, ed ugualmente efficaci, hanno dato un controllo molto elevato su foglia e completo al 100% su grappolo grazie all’apporto fondamentale MILDICUT®

Tesi 1 Cimoxanil mix-Mildicut

 

 

Tesi 2 valis Mix-Mildicut

 

testimone Pianella  (PE)

SCROLL TO TOP

Belchim Crop Protection Italia SpA P. IVA  04004550283

Iscritta al Registro delle Imprese di Milano con il n° di P.IVA 04004550283
Capitale sociale: Euro 120.000 i.v.
R.E.A. 1879701

Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto.
Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale